REGISTAN DI SAMARCANDA

  • SAMARCANDA REGISTAN

Il Registan era il cuore dell’antica città di Samarcanda della dinastia dei Timuridi, ora in Uzbekistan. Il nome Rēgistan (ریگستان) significa “luogo sabbioso” o “deserto” in persiano.

Il Registan era una piazza pubblica, dove la gente si riuniva per ascoltare proclami regali, annunciati da esplosioni su enormi tubi di rame chiamati dzharchis – e un luogo di esecuzioni pubbliche. È incorniciato da tre madrasa (scuole islamiche) di particolare architettura islamica.

Le tre madrase del Registan sono: la Madrasa di Ulugh Beg (1417-1420), la Madrasa di Tilya-Kori (1646-1660) e la Madrasa di Sher-Dor (1619-1636). Madrasah è un termine arabo che significa scuola.

Madrasa di Ulugbek

La Madrasa di Ulugh Beg, costruita da Ulugh Beg durante l’era dell’impero timuride di Timur-Tamerlano, ha un imponente iwan con un pishtaq ad arco di lancetta o portale che si affaccia sulla piazza. Gli angoli sono fiancheggiati da alti minareti. Il pannello di mosaico sopra l’arco d’ingresso di Iwan è decorato da ornamenti geometrici stilizzati. Il cortile quadrato comprende una moschea e sale per conferenze ed è circondato dalle celle del dormitorio in cui vivevano gli studenti. Ci sono gallerie profonde lungo gli assi. Originariamente la Madrasa di Ulugh Beg era un edificio a due piani con quattro darskhonas a cupola agli angoli.

La Madrasa di Ulugh Beg (persiano: مدرسه الغ بیگ) era una delle migliori università del clero dell’Oriente musulmano nel XV secolo. Abdul-Rahman Jami, il grande poeta persiano, studioso, mistico, scienziato e filosofo ha studiato alla Madrasah. [1] Ulugh Beg stesso ha tenuto conferenze lì. Durante il governo di Ulugh Beg la madrasa era un centro di apprendimento

Sher Dor

Nel XVII secolo il sovrano di Samarcanda, Yalangtush Bakhodur, ordinò la costruzione delle madrasa delle sorelle Sher-Dor (persiano: شیردار) e Tillya-Kori (persiano: طلاکاری). I mosaici della tigre con un sole nascente sul dorso, sul volto di ogni arco di madrasa sono interessanti, in quanto non ammettono il divieto dell’Islam di raffigurare esseri viventi su edifici religiosi, specialmente perché rappresentano i più antichi motivi religiosi persiani mitraici.

Tilla Kori

Dieci anni dopo è stato costruito il Tilya-Kori (persiano: طلاکاری, che significa “dorato”) Madrasah. Non era solo un college residenziale per studenti, ma ha anche svolto il ruolo di grand masjid (moschea). Ha una facciata principale a due piani e un vasto cortile circondato da celle dormitorio, con quattro gallerie lungo gli assi. L’edificio della moschea (vedi foto) si trova nella parte occidentale del cortile. La sala principale della moschea è abbondantemente dorata.

 

1 Star2 Star3 Star4 Star5 Star (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...