Il Lago Aral

Il mare d’Aral è il più grande lago chiuso dell’Asia centrale. Amministrativamente più della metà del Mare d’Aral si trova nel sud-ovest dell’Uzbekistan (Karakalpakstan) e nel nord-est del Kazakistan. Negli anni ’60, l’area del Mare d’Aral aveva una media di 68,0 mila km². È il quarto più grande del mondo (dopo il Mar Caspio, i Grandi Laghi in America e il Lago Vittoria in Africa), il secondo più grande del continente eurasiatico (dopo il Caspio). Il mare si estendeva da nord-est a sud-ovest. La sua lunghezza era di 425 km e la sua larghezza era di 235 km. L’area del bacino era di 68.000 km², e la media profondita era circa 16,5 m e il punto piu profondo di 68 m. Era chiamato il mare per le dimensioni del bacino.

Pero’, la grande quantità di acqua fornita dai fiumi Amudarya e Syrdarya per iniziano a utilizzare per i lavori ri irrigazione. Dal 1961, il mare comincia a perdere della sua superficie.  Tra le cause del fondale basso, un aumento del consumo di acqua dei fiumi che vi scorrevano era indicato per l’irrigazione. Dal 1960 al 1990, l’area delle terre irrigate nell’Asia centrale era passata da 4,5 a 7 milioni di ettari.

Aral Lago

Fino agli anni ’70, nel Mare d’Aral vivevano 34 specie di pesci, di cui oltre venti erano di importanza commerciale. Nel 1946 furono pescate 23 mila tonnellate di pesce nel Mare d’Aral; all’inizio degli anni ’80, questa cifra raggiunse le 60 mila tonnellate.

Nel 1989, il mare si divise in due bacini isolati: il Mare Aral settentrionale (piccolo) e meridionale (grande). Nel 2003, la superficie del Mare d’Aral era di circa un quarto dell’originale e il volume di acqua era di circa il 10%. All’inizio degli anni 2000, il livello assoluto dell’acqua nel mare scese al livello di 31 m, che è 22 m al di sotto del livello iniziale osservato alla fine degli anni ’50.

Nel 2001, l’isola del Vozrojdeniye (Rinascimento) divenne una penisola.

Nel 2003, il mare dell’Aral meridionale è stato diviso in parti occidentali e orientali.

Sul fondo poco profondo del Mar d’Aral, sono stati trovati i resti di due insediamenti e mausolei. Il Mausoleo di Kerdery risale al XI-XIV secolo. Per molto tempo fu a una profondità di circa 20 m. Furono scoperti anche i resti di un insediamento del 14 ° secolo di Aral-Asar.

Le conseguenze ecologiche

Il prosciugamento del mare ha in qualche modo influenzato il clima della regione direttamente adiacente all’ex area acquatica del mare (a una distanza di fino a 100 km dall’ex costa), che è diventata più continentale: le estati sono diventate più secche e più calde, gli inverni più freddi e più lunghi. La polvere contenente grandi quantità di sali marini, pesticidi e altri prodotti chimici viene trasportata dalla parte drenata dell’ex fondale marino dai venti in grandi quantità verso le regioni vicine.

A causa del fondale basso, la salinità del Grande Mare d’Aral è aumentata notevolmente (quasi 10 volte), causando l’estinzione di molte specie di flora e fauna adattate per ridurre la salinità. Il Grande Mare d’Aral ha perso il valore della pesca, i porti sono chiusi.

Adesso le autorità dell’Uzbekistan e Kazakistan stanno cercando dei diversi modi per risolvere questo problema ecologico.

L’ARAL, MARE, LAGO, DESERTO?

Istituto per lo sviluppo del turismo

Negli ultimi anni è cresciuto l’interesse dei turisti che visitano la Repubblica dell’Uzbekistan, alla città di Muynak e al mare che scompare Aral, le cui impetuose onde un tempo battevano contro le sue coste.

Aral – parlano storici

Il lago marino asiatico è conosciuto fin dall’antichità. Lo scienziato greco Claudio Tolomeo, vissuto 1800 anni fa nella sua opera “Almagesto”, ha mostrato i mari d’Aral e del Caspio su una mappa del mondo che mostra come scorrono i fiumi Zarafshan e Oxus (Amu Darya). Nel 950, il viaggiatore arabo Masudi scrisse: “Jeyhun, dove scorreva il fiume Balyk, era diviso nei delta Ispiran e Tarmid, uno dei quali Khorasan dal lato inferiore di Khovarezm scorreva nel lago vicino a Djourdjania (Kunya Urgench)”. Per lago intendeva il lago d’Aral.

Molti viaggiatori misero il lago d’Aral sulle loro mappe: nel 1664 l’olandese Nikolai Bitsen, nel 1723 – Dalia, nel 1734 – Krylov, nel 1741 – Muravin, nel 1758 l’inglese Jenkinson, nel 1834 – Lepshin, nel 1849 i famosi marittimi Butakov e Shevchenko.

Navigazione

Una delle prime navi a vapore, costruita nella città svedese di Motol per ordine dell’Impero russo nel 1850, fu lanciata nel Mar d’Aral nel 1853.

Fino all’inizio del XIX secolo, i popoli della regione del Lago d’Aral non utilizzavano appieno le risorse e la ricchezza del mare. La pesca marittima iniziò a svilupparsi nell’era dello zar russo Alessandro III, che deportò un numero enorme di cosacchi degli Urali nella regione del Mar d’Aral, che si ribellò contro 25 anni di servizio militare. A partire dal 1874, la maggior parte di loro iniziò a stabilirsi in luoghi come Tokpak ata, Maypoz, Urga. Il reinsediamento dei pescatori dalle rive del Mar Caspio, del Mar Baltico e del Mar Nero ha portato alla partecipazione attiva delle popolazioni locali nel settore della pesca. Di conseguenza, se nel 1888 più di 500 navi navigavano nell’area di Amu Darya, nel 1894 sono diventati 724. Nel 1900 il numero di pescatori nel lago d’Aral aveva raggiunto più di 10.000 persone.

Lago d’Aral – industrie

Fino al 1965, il lago d’Aral e l’Amu Darya avevano un ruolo importante per il trasporto di merci e passeggeri. Navi merci e passeggeri navigavano per l’intera lunghezza. 

L’abbondanza delle acque e la prospera industria di pesca hanno permesso di esistere e lavorare nella parte karakalpaka della regione dell’Aral per 5 stabilimenti ittici, 1 conservificio ittico, 20 punti di raccolta del pesce. Negli anni ’60 il lago d’Aral ha fruttato fino a 450 mila quintali di pesce commerciale, tra i quali prevalevano speci pregiate, come storione tozzo, lucioperca, pesce gatto, carpa d’Aral e molte altre.

Secondo i dati dei centri della ricerca accademica, è noto che fino agli anni ’70 nelle acque del lago d’Aral sono state trovate 34 specie di pesci, di cui più di 20 di importanza commerciale.

L’industria della pesca basata sul lago è stata dismessa, provocando disoccupazione e difficoltà economiche. Nel 1995 il lago d’Aral aveva perso i tre quarti del suo volume d’acqua. Negli ultimi anni prima della chiusura (nel 1998), il conservificio di Muynak ha lavorato solo pesce importato. Ma oggi, a causa della forte salinità dell’acqua, non c’è praticamente vita in mare, ad eccezione delle artemie.

Il problema del Lago d’Aral

Il problema del lago d’Aral non è sorto oggi, ma ancora nel momento in cui il mare era profondo. Crescevano le aree di terra irrigata in Asia centrale e il livello del mare stava diminuendo a causa di una graduale diminuzione del deflusso negli estuari dell’Amu Darya e del Syr Darya. Nel 1950 il mare era lungo 426 km e largo 284 km, con una profondità di 68 metri. E già negli anni ’80, il livello del mare è sceso a un livello critico, sull’ex letto del lago è apparso un enorme deserto chiamato “Aralkum”.

Fino agli anni ’80, a Muynak vivevano circa 100.000 persone, c’erano diversi cinema, case di riposo e campi estivi per bambini. C’erano istituzioni mediche ed educative. Muynak era una vivace città portuale. Sulle banchine e nella zona dell’acqua un paio di centinaia di navi ondeggiavano sull’acqua, c’erano pescherecci da traino, barche, barchette, in alto dominavano i gru da carico. Sapore di mare, odore di pesce c’erano dapertutto. La gente arrivava sui treni, sugli aerei. Negli anni ’70 e ’80 lungo l’Aral passavano barche a vela, navi da lavoro che trasportavano persone e merci attraverso l’Aral.

Nell’Unione Sovietica, la progressiva scomparsa di Aral è stata nascosta per decenni, fino al 1985, quando M. Gorbaciov ha reso pubblica questa catastrofe ecologica. Alla fine degli anni ’80, il livello dell’acqua è sceso così tanto che l’intero lago si è separato in due bacini: il piccolo Aral a nord e uno di maggiore estensione, il grande Aral a sud. Nel 2007, nella parte meridionale, si sono separate anche i bacini: profondo occidentale e poco profondo orientale, così come i resti di un piccolo golfo separato.

Il tour al Lago ARAL (Mare Aral)

Aral Tour
RICHIEDI IL PREVENTIVO PER UN VIAGGIO ARAL
SCOPRI I NOSTRI VIAGGI IN UZBEKISTAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *