Ceramica in Uzbekistan

Uno dei più antichi e interessanti tipi di arte applicata in Uzbekistan è la ceramica artistica. I suoi primi campioni, scoperti dagli archeologi nel territorio della repubblica, risalgono ai tempi dell’antichita’. Si tratta di piatti lyagan, ciotole sferiche – piyola e kosa, vasi, brocche, gli humas di varie dimensioni – dall’enorme alla miniatura, convenienti per l’uso e allo stesso tempo sofisticati nella forma. Per molti secoli fino ad oggi, i prodotti ceramici sono molto richiesti. Si distinguono per l’alta fattura, la bellezza delle forme, la magia delle decisioni ornamentali, l’armonia dell’immaginazione audace, un senso di proporzione nel uso dei colori.

Le opere di molti maestri popolari della ceramica sono state incluse nelle collezioni dei musei dell’Uzbekistan e di altri paesi e nelle collezioni private.

Come centri di arte ceramica in Uzbekistan sono noti da tanto tempo Samarcanda, , Gijduvan, Shakhrisabz, Katta-Kurgan, Rishtan, Khanka e Khiva, Tashkent.

Ceramica di Rishtan

Rishtan è una città nella regione di Ferghana in Uzbekistan, situata tra Kokand e Ferghana. Le ceramiche e i piatti di Rishtan sono i più famosi in Uzbekistan. Oggetti sottili, squillanti, squisitamente decorati sono venduti ovunque in Uzbekistan.

Rishtan è il più antico centro di arte ceramica in Asia centrale. Qui è stata sviluppata una tecnologia unica per la creazione di prodotti ceramici. Le ceramiche locali si distinguono per forme, ornamenti e colori. I prodotti di argilla di Rishtan nella colorazione sono caratterizzati dall’uso di colori turchesi, blu scuro e marroni su uno sfondo bianco latte.

L’artigianato dei ceramisti di Rishtan è inesauribile. I motivi, realizzati in maniera di pennello libero, si basano su osservazioni della natura e riproducono tutta la diversità del mondo circostante: fiori, rami di alberi, frutti, brocche, utensili domestici e altri. Oggi, come centinaia di anni fa, la ceramica viene dipinta a mano. L’individualità dei maestri si manifesta in un modo unico di scrivere, pur mantenendo rigorose tradizioni di arte tradizionale, il cui stile si è sviluppato nel corso dei secoli.

ceramica rishtan

C’è stato un tempo in cui quasi l’intera popolazione maschile di Rishtan era composta solo da ceramisti. L’argilla è meravigliosa che si trova in tutta la zona di Rshtan. Praticamente non bisogna aggiungere impurità. Ogni maestro di Rishtan ha i suoi segreti di composizione di smalto e di colori.

Secondo le informazioni storiche, la ceramica di Rishta ebbe origine circa mille anni fa. I ceramisti di Rishtan – “Kuzagar” o “Kulol” si considerano i discendenti dei fondatori della ceramica e i guardiani delle antiche tradizioni. Nel Medioevo, l’arte dei maestri Rishtan raggiunse la fama in molte città e paesi lungo la Grande Via della Seta. Come testimoniano gli etnografi, “alla fine del XIX-inizio del XX secolo a Rishtan c’erano 80 laboratori di ceramica, in cui lavoravano 300 persone.

I ceramisti di Rishtan usano ancora lo smalto “ishkor”, che è fatta da ceneri di arbusti conosciuti solo da loro. Nessuno dei centri ceramici in Uzbekistan ha una tale varietà di forme di prodotti come a Rishtan. Lyagan – piatti per pilaf, kosa e shokosa – ciotole per zuppa – shurpa, enormi brocche – khum per conservare grano e olio, zangole di burro, recipienti profondi con coperchi per latte acido – koshkulok, brocche – oftoba per abluzione prima della preghiera, ciotole, brocche – kuzacha per l’acqua, amfore nella forma di un uccello fantastico – urdak – il volo della sofisticata fantasia dei ceramista non conosce limiti.

Ogni turista che visita l’Uzbekistan non resiste all’acquisto di un miracolo dall’argilla dei maestri Rishtan. Dopotutto, qualsiasi lavoro fatto da loro è unico, dal momento che nemmeno un singolo maestro nello stesso tipo di prodotto ripete né forma né ornamento.

Ceramica di Gijduvan

La ceramica di Gijduvan, una città vicino Bukhara, si distingue per una brillante originalità di colore e decorazioni ornamentali. Gijduvan fornì ceramiche a quasi tutta la regione di Bukhara; qui gli artigiani di Shakhrisabz e Samarcanda, Khiva e Urgench vennero a studiare ceramica. Oggi, al volgere del secolo, le ceramiche di Gijduvan sono rappresentate più chiaramente nell’opera della famiglia Narzullaev, maestri ereditari, rappresentanti della sesta ottava generazione della dinastia ceramica. La storia della loro famiglia è anche la storia della ceramica nella regione.

ceramica gijduvan uzbekistan

I fratelli portano argilla bianca per i prodotti di Gozlik, situato nelle vicinanze di Bukhara. Per la fabbricazione di coloranti, i maestri usano ossidi di vari metalli. Nella ceramica di Gijduvan sono conosciute circa 60 forme tradizionali di prodotti. Altrettanto tradizionale è l’arsenale di forme ornamentali, che comprende oltre 300 disegni stabili. Le loro variazioni consentono di creare sempre più nuove composizioni, per mostrare la libertà dell’immaginazione creativa nel quadro della tradizione.

Le caratteristiche principali della ceramica di Gijduvan sono una caratteristica gamma marrone-verdastra, come se incorporasse i colori naturali della regione, la pittura figurativa e le macchie abrase, facendo eco ai motivi dei popolari tessuti uzbeki. Di colore straordinariamente caldo, con una tinta dorata, un colore vellutato, conferisce alla ceramica un fascino unico; i dettagli gialli, verdi o blu dell’ornamento sembrano preziose macchie su di esso.

Oggi, l’interesse per la ceramica di Gijduvan è insolitamente grande. Il laboratorio della famiglia è sempre pieno di ospiti e nella piccola sala – museo, organizzata in una delle stanze della casa, vengono raccolte le opere del nonno, del padre e dei fratelli Narzullaev. Tra questi ci sono quelli che Abdulla Narzullaev portò da Mosca e Riga. Gli oggetti in ceramica esposti sono una sorta di cronaca di ceramiche del XX secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *