Kirghizistan cosa vedere

Kirghizistan: cosa vedere, informazione, foto

Kirghizistan: cosa vedere e qualche informazione con le foto ai luoghi da vedere nel paese. Il Kirghizistan è un paese montuoso pittoresco e sorprendente, sul cui territorio si concentra un’enorme varietà di attrazioni. Le attrazioni e cose da vedere del Kirghizistan, scoperte di recente dai turisti, attirano con il loro sapore nazionale.

Qui in Kirghizistan puoi vedere le cose vere e sentire il vero spirito dell’Asia e persino vivere per un po ‘come un nomade, fare shopping nei bazar locali, dove tutti contratta con tutti, e anche guardare le rovine dei tempi antichi. Sapendo cosa vedere in Kirghizistan e avendo visto le recensioni di altre persone che hanno già visitato questo particolare stato, sarai in grado di creare un percorso conveniente e ricco.

Le cose principali da vedere in Kirghizistan con le foto

Lago Issyk Kul – il più famoso del Kirghizistan

L’area del lago è forse il luogo più visitato in assoluto del Kirghizistan. Con un’estensione di 178 km in lunghezza e 60 km in larghezza e una profondità massima di 668 m, l’Isyk-Köl (1600 m s.l.m.) è il secondo più grande lago di montagna al mondo dopo il lago Titicaca in Sudamerica. E’ un lago salato in Kirghizistan, che si trova fra i monti Küngey Alatau a nord e i Terskey Alatau a sud, parte della catena montuosa del Tian Shan. Il nome tradotto significa “lago caldo”. Il lago Issyk-Kul è una popolare destinazione per le vacanze, che offre condizioni climatiche confortevoli, come una combinazione di clima di montagna e mare.

Tian Shan in Kirghizistan

Montagne Tien Shan – situate sui territori di cinque paesi, questo sistema montuoso è perfettamente visibile anche dall’orbita terrestre. Le montagne Tien Shan si estendono per 2,5 mila chilometri e qualsiasi alpinista vorrà salire il picco Pobeda, che è incluso nell’elenco dei settemila. Qui vengono persone sinceramente innamorate della montagna o che non hanno mai visto vette veramente alte. I panorami da una vista a volo d’uccello rimangono nella memoria per sempre, quindi questa attrazione del Kirghizistan non cesserà mai di interessare i turisti.

Karakol – cosa vedere in Kirghizistan.

La città si trova nella parte orientale della regione, ai piedi della cresta Teskey-Alatoo, nel corso inferiore del fiume Karakol, a 12 km dalla riva del lago Issyk-Kul, a un’altitudine di 1690-1850 metri sul livello del mare. Questa città unica è nascosta da occhi indiscreti tra le creste del Tien Shan centrale in prossimità di vette maestose come Pobeda Peaks (7439 m) e Khan Tengri (6995 m). La superficie della città è di 48 Kmq. La distanza da Karakol a Bishkek è di 400 km.

Karakol è una delle città più belle del Kirghizistan, un paradiso turistico per stranieri e residenti del Kirghizistan che vengono qui per rilassarsi. Da Karakol puoi raggiungere molte delle gole più belle sul versante settentrionale della cresta Terskey Ala-Too: Altyn-Arashan, Djety-Oguz, Jergalan, Ak-Suu, Chon-Kyzyl-Suu, Kereg-Tash e altre. Quasi tutti hanno fonti di acque minerali calde che sono benefiche per la salute. Lungo la valle del fiume Karakol, è possibile salire al lago glaciale Ala-Kol.

Tra i monumenti storici di Karakol si distingue – la Moschea di Dungan – una delle più grandi strutture dell’architettura Dungan (i Dungan sono musulmani cinesi). La moschea è un magnifico esempio dello stile architettonico cinese dell’era Qing (1644-1911). Fu costruito nello stile di una pagoda buddista nel 1910 in legno senza nessun chiodo. I timpani dei tre tetti sono rivolti a sud, i loro angoli sono fantasiosamente piegati verso l’alto e alle estremità delle travi angolari ci sono le teste dei draghi, personificando certi auguri.

Le sorgenti termali di Altyn-Arashan sono uno dei luoghi più piacevoli e interessanti delle regioni montuose del Karakol.

La gola di Altyn Arashan in Kirghizistan

La gola di Altyn Arashan (“sorgente d’oro”) è la cosa migliore che può essere visitata in Kirghizistan per gli appassionati di bagni nelle sorgenti minerali. Ci sono serbatoi con diversi tipi di acque curative tra cui scegliere. L’area per i vacanzieri si trova in un luogo molto pittoresco vicino al paese di Ak-Suu a una distanza di quasi trenta chilometri dal lago Issyk-Kul.

Osh

Osh è la seconda città più grande del Kirghizistan – la “capitale meridionale”, una città situata nella parte orientale della valle di Fergana, ad un’altitudine di oltre 1000 m sul livello del mare. Numerose leggende associano la fondazione della città ai nomi di Alessandro Magno e del profeta Sulaimon (Salomone). Quindi, una delle leggende dice che una volta il re Salomone guidò il suo esercito e davanti stava guidando un paio di buoi con un aratro. Quando i buoi raggiunsero la famosa montagna, Salomone disse: “Hosh!” – “Basta!”. Nasce così il nome della città. Nessuna di queste leggende spiega né il fatto dell’emergere della città né l’etimologia del suo nome, ma testimonia tuttavia l’antichità delle occupazioni agricole degli abitanti di questi luoghi.

Osh era un punto di passaggio sulle rotte commerciali delle carovane dell’antichità e del Medioevo dall’India e dalla Cina all’Europa. Qui passava uno dei rami della Grande Via della Seta, che era la più importante arteria commerciale dell’antichità, che collegava l’Est con l’Ovest.

Gli edifici religiosi più significativi della città: la madrasa Alymbek Paravanchi datka, la madrasa Mukhamedboy Türk Khal Muratbaev sono magnifici esempi della scuola di architettura e costruzione di Fergana.

La città ha molti parchi e monumenti storici e culturali: Moschea Sadykbai, Moschea Shahid-Tepa, uno stabilimento balneare medievale; complesso commemorativo “Evening Fire”; monumenti a V.I. Lenin, Toktogul Satylganov, Abdykadyrov, Sultan Ibraimov Orozbekov, Kurmanzhan-Datka, Alisher Navoi; Insediamento Osh: grotta “Echo of Love”, grotta “Swallow’s Nest”.

Insieme ai monumenti del culto musulmano nella piazza centrale della città, c’è l’unico monumento dell’architettura ortodossa russa dell’inizio del XX secolo nella città: la Chiesa dell’Arcangelo Michele. Purtroppo questo monumento ha dovuto sopportare tutte le difficoltà associate alla “rivoluzione culturale” del regime sovietico, ma nel 1991 è stato restituito alla comunità religiosa ortodossa.

Bazar di Osh – mercato

La città commerciale di Osh era molto famosa per i suoi bazar e caravanserragli. E il bazar principale, situato sulla riva sinistra del fiume Ak-Bura, era un classico esempio del mercato coperto orientale: tim. Per più di due millenni, il bazar principale di Osh ha vissuto la sua vita rumorosa e vibrante nello stesso luogo, cambiando edifici ed espandendo i suoi confini.

Il bazar di Osh è un punto di riferimento del Kirghizistan, di cui tutti gli ospiti del paese sono entusiasti, perché qui è possibile acquistare prodotti di alta qualità di produzione locale e straniera a prezzi competitivi, ottenendo un grande piacere dal processo commerciale.

Sulaiman Too

kirghizistan cosa vedere Osh Sulaiman

Su tre lati, Osh è circondato da colline e bassi speroni rocciosi della cresta di Alay. Essendo praticamente sotto il “tetto del mondo”, puoi sentire ovunque il respiro delle possenti e maestose montagne Pamir-Alai. Ma la prova principale della loro presenza è, ovviamente, il monte Suleiman a cinque teste, che svetta nel centro della città. Questo è uno degli speroni della Catena Alai, che è una roccia alta oltre 100 metri.

Il monte Suleiman-Too nel giugno 2009 è diventato il primo sito del patrimonio mondiale del paese. Suleiman-Too (“la montagna di Suleiman”) o Takhti-Suleiman (“il trono di Suleiman”, cioè il re biblico Salomone) si trova proprio nel centro della città. Già nel X secolo, i pellegrini di tutta l’Asia erano attratti da questa collina rocciosa a prima vista poco appariscente, poiché da tempo immemorabile si ritiene che fosse qui che il profeta Solimano si rivolse a Dio e le impronte della sua fronte e delle sue ginocchia rimasero sulle pietre.

Al di sopra di questo luogo, sacro per ogni musulmano, Muhammad Zakhiriddin Babur (1483-1530), pronipote di Timur e fondatore della dinastia Mughal – Gran Moghul in India, costruì una piccola hujra (cella) con un mihrab (nicchia rivolta alla Mecca), sul sito della quale sorgono una moschea di pietra bianca e la “casa di Babur”, ricreata secondo fonti d’archivio.

Secondo la leggenda, è su questo monte che una donna può chiedere a Dio di mandarle un figlio, e il leggendario “sentiero della prova” conduce in cima, lungo la quale, secondo le leggende, nessuna moglie infedele potrà mai passare.

Chi è particolarmente curioso può scalare la montagna stessa, da dove si apre un ottimo panorama della città di Osh. Qui lo si vede come nel palmo della mano, si può stare a lungo e ammirare il magnifico paesaggio: sotto – ribollente vita cittadina, in lontananza – le Grandi Montagne respirano tranquillità e fiducia.

Caravaserraglio Tash Rabat

kirghizistan cosa vedere

Il caravanserraglio di Tash-Rabat è un monumento architettonico unico dell’alto medioevo, il cui aspetto risale più specificamente al XV secolo, e uno dei principali siti archeologici del Kirghizistan, che è diventato un simbolo dell’architettura di montagna Tenir-Too. Si trova nella pittoresca gola-canyon Kara-Koyun (regione di Naryn), 110 km a sud della città di Naryn, vicino al confine con la Cina, a un’altitudine di 3200 metri sul livello del mare.

In quei tempi lontani, quando c’erano ancora vivaci carovane commerciali lungo le strade della Grande Via della Seta, la fortezza di Tash-Rabat su una di esse faceva da caravanserraglio, cioè, in senso moderno, era un hotel medievale, una locanda per mercanti e viaggiatori – uno delle insolite strutture in pietra, che si trovavano nella valle del piccolo fiume Tash-Rabat, sul territorio del Tien Shan centrale. Il caravanserraglio si trovava sulla rotta commerciale, che poi collegava le valli di Chui e Fergana con Kashgar.

Descrizione del edificio

Il restaurato e ricostruito Tash-Rabat è un edificio quasi quadrato con lati di 35,7 me 33,7 m, simile a un castello medievale, interamente coperto da un tetto orizzontale continuo con una cupola sferica che svetta nella parte occidentale. Tutti gli ambienti situati all’interno delle mura esterne sono coperti da un tetto comune con cupola sferica. All’interno dell’edificio, un corridoio centrale va dalla porta situata al centro del muro orientale al muro occidentale. Poggia su un atrio quadrato, su cui si innalza una cupola.

Sebbene l’aspetto di Tash-Rabat testimonia il fatto che è stato costruito secondo le tradizioni dell’architettura medievale dell’Asia centrale, il design insolito del suo design ha indotto i ricercatori a valutare lo scopo di questa struttura in modo diverso. La maggior parte di loro credeva che servisse da caravanserraglio, poiché l’edificio si trova in una gola lungo la quale passa un sentiero di montagna che porta da At-Bashi a Kashgar, lungo il quale potevano passare le carovane commerciali, e la disposizione delle mura con torri e porte del portale è tipica per molti caravanserragli medievali in Asia centrale.

Persa nella natura incontaminata, lontana dagli insediamenti, Tash-Rabat sembra aspra, monumentale e inavvicinabile dall’esterno. Tuttavia, Tash-Rabat continua ad attirare l’attenzione dei turisti. Inoltre, da qui è possibile effettuare un affascinante percorso a cavallo attraverso il passo fino al lago di alta montagna Chatyr-Kul. E la nostra azienda sarà felice di aiutarti in questo.

Ala Archa parco naturale nazionale

La gola di Ala Archa è un’area protetta designata dal governo, unica per la sua divisione in zone con diversi tipi di clima. Ala Archa vuol dire “ginepro variegato”. Il parco si trova a 40 km da Bishkek.

Il parco si trova sul versante settentrionale della cresta del Kirghizistan a un’altitudine di 1600-4875 m, partendo dal centro alto del Kyrgyz Ala-Too e proseguendo verso nord fino alla gola Ala-Archa. Il campo alpino Ala-Archa, situato a un’altitudine di 2100 m, è aperto per tutte le stagioni, gli alpinisti dei paesi della CSI vengono qui tutto l’anno. Dal 1951 quest’area è oggetto di turismo attivo, qui sono stati tracciati circa 150 percorsi di varie categorie di difficoltà. I luoghi più visitati sono il ghiacciaio e la cascata Ak-Sai. Qui ci sono le vette Dvorogaya (4380 m), Korona (4860 m) e il punto più alto dell’intera cresta del Kirghizistan – Semenov-Tyan-Shansky picco (4875 m). Ala-Archa è ricca di piste per attività di formazione su roccia e ghiaccio.

Ad un’altitudine di 3400 m c’è una “capanna Ratsek” in pietra (“campo Ratsek”), dove si fermano quasi tutti gli alpinisti, poiché lì fa caldo, e tutte le cime circostanti sono entro 1-3 ore di cammino.

Arslanbob

Arslanbob: un villaggio, un resort, un confine naturale, cascate, un bosco di noci – un luogo di villeggiatura preferito tra coloro che amano le escursioni. Durante la passeggiata, è possibile vedere alberi di noce, che hanno centinaia di anni e sentono la completa unità con la natura.

Arslanbob è una creazione unica della natura, un’oasi fiorita a un’altitudine di 1600 m sul livello del mare. La regione di Arslanbob si trova sulla cresta Babash-Ata sulle pendici occidentali e meridionali delle catene di Fergana e Chatkal ed è famosa, prima di tutto, per le sue splendide foreste di noci relitte, che occupano un totale di 608,5 mila ettari. Queste sono le più grandi foreste di noci del nostro pianeta. Qui crescono fino a 130 specie di alberi e arbusti, tra cui noci, pistacchi, mandorle, pere, meli, prugne ciliegie, ribes e altri.

Il particolare vanto di questi boschi di montagna è il noce, che può vivere fino a 1000 anni, raggiungere dimensioni enormi (fino a 30 m di altezza con un diametro del tronco fino a 2 m) e dare frutti abbondanti. Ci sono anche alberi singoli che producono fino a 200-400 kg di noci all’anno.

Le uniche foreste di noci relitte al mondo non sono l’unico fascino di Arslanbob. Nelle gole rocciose a un’altitudine di 2200 m sul livello del mare, i fiumi di montagna stanno trasportando rapidamente le loro acque di schiuma bianca. A volte cadono molto in basso, creando favolose cascate. Passeggiate a cavallo o escursioni alle pittoresche cascate Piccole e Grandi, escursioni al Lago Sacro (Specchio), alla Pietra Sacra (importanti luoghi di pellegrinaggio per i musulmani dell’Asia centrale) e alle grotte aggiungeranno favolosi elementi esotici alle vostre impressioni.

Gola Jeti Oguz – Dzheti Oguz

La gola di Jety-Oguz (“Rocce dei sette tori”) si trova a 30 km a ovest della città di Karakol, sulle pendici settentrionali della cresta Terskey Ala-Too. Questo è uno dei luoghi più belli del Kirghizistan, una valle di montagna formata dal fiume Dzhety-Oguz, che sfocia nel lago Issyk-Kul.

Jety-Oguz è una cresta di rocce rosse ricoperte di boschetti. La lunghezza delle rocce è di 37 chilometri e il paesaggio della gola si è formato grazie al fiume omonimo. Enormi foreste verde scuro, distribuite su pendii montuosi di arenaria rossa, creano un sorprendente contrasto di colore. Le foreste su entrambi i lati della gola si estendono per quasi 25 km e, prima di trasformarsi in foreste, ci sono abeti rossi Tien Shan in piccoli gruppi pittoreschi. Sopra la zona boschiva (circa 3000 m), in una conca larga circa 15 km, si trovano magnifici prati subalpini e alpini – jailoo.

Nel corso superiore dei piccoli fiumi, ci sono laghi di montagna e cascate, gole pittoresche. E nella parte più alta della valle c’è un’alta parete, al centro della quale si erge la più bella doppia cima Oguz-Bashy (tradotta come “la testa del toro”) con un’altezza di 5170 m. Sullo spartiacque con la gola del Karakol c’è una vetta appuntita di Zhukov (4250 m).

Il lato sinistro della gola Djety-Oguz è formato dalla cima Kok-Debe (2700 m), situata direttamente vicino alla località di Djety-Oguz, le vette Podkova (3500 m) e Druzhba Narodov (3800 m). Attraverso le depressioni tra le vette Kok-Bel (2600 m) e Asan-Tukum (3600 m) sullo stesso lato della gola, si può scendere nella vicina gola Chon-Kyzyl-Suu. Gola di Jety-Oguz Sul lato destro della gola di Djety-Oguz si trova il passo Kashka-Suu, che si trova sopra il resort, e lungo il quale si può fare un emozionante viaggio verso l’area ricreativa di Karakol.

Torre di Burana

Minareto Burana vicino alla città di Tokmak in Kirghizistan

Burana kirghizistan

La Torre Burana (minareto Burana) è un monumento archeologico e architettonico situato tra le rovine dell’insediamento Buraninsky, 12 km a sud-ovest della città di Tokmak in Kirghizistan, sulla riva sinistra del fiume Chu.

Gli storici ritengono che qui si trovasse la città medievale di Balasagun, la capitale di uno dei più grandi e potenti stati turchi feudali, lo stato del Karakhanid (940-1212). A quel tempo, Balasagun, situata sulla Grande Via della Seta, era una delle fiorenti città dell’Asia centrale. Nel 1219 la città fu conquistata dai Mongoli e dal XIV secolo non esiste più. Solo l’enorme torre Burana, le rovine di fortezze e mura difensive, nonché frammenti di condutture dell’acqua, articoli per la casa e arti decorative ritrovati qui testimoniano l’antica grandezza della capitale dei Karakhanidi.

La Torre Burana (X-XI secoli), costruita con mattoni cotti, è un’eccezionale struttura antica, parte del Museo archeologico e architettonico del Kirghizistan e un sito del patrimonio culturale. La sua altezza oggi è di 21,7 m, ma in origine la torre era di almeno 40 m, e la sua parte superiore fu successivamente distrutta da un terremoto. Ma la nostra vivida immaginazione può finire i metri mancanti e penetrare in profondità nei secoli. Il minareto Burana ha una fondazione, un podio, un piedistallo e un tronco.

All’interno della torre c’è una scala a chiocciola con scomodi gradini in mattoni cotti. Scomodo, perché o la nostra altezza è diventata più alta dei nostri antenati e il passo è più lungo, o la dimensione dei nostri piedi è gigantesca rispetto ai contemporanei dei Karakhanidi.

Oggi la Torre Burana è uno dei più grandi monumenti storici e architettonici del Kirghizistan ed è protetta dallo stato, attirando l’attenzione di scienziati e turisti.

Lago Son Kul in Kirghizistan

Il lago Son-Kul è un lago alpino del Tien Shan. Il suo nome può essere tradotto in italiano come “L’ultimo lago”. Si trova in una gigantesca conca tra le creste Son-Kultau e Moldotau a un’altitudine di 3016 metri sul livello del mare, nella parte nord-occidentale della regione di Naryn. Il lago si estende per 29 km di lunghezza e 18 km di larghezza, raggiungendo una profondità fino a 22 m. È uno dei più grandi laghi alpini e il più grande bacino naturale di acqua dolce del Kirghizistan: la superficie del lago è di 278 chilometri quadrati.

Il lago si trova su una pianura montuosa circondata da prati (jailoo). Questi prati sono stati utilizzati come pascoli per gli animali fin dall’antichità, come testimoniano le incisioni rupestri rinvenute sulla riva del lago. I pastori portano il loro bestiame al lago per l’estate e le loro famiglie vivono nelle yurte (tradizionali abitazioni di feltro kirghise).

Il clima di Son-Kul è molto diverso dalle pianure di bassa montagna. In inverno, Son-Kul è inaccessibile ai turisti a causa delle basse temperature dell’aria, dell’alto manto nevoso, che si trova qui per 130-160 giorni e dei passi chiusi. Ma in estate l’aria è fresca e trasparente, il regime di temperatura è favorevole per l’aria e per prendere il sole, la temperatura dell’acqua nel lago consente di prendere l’acqua e le procedure dell’aria.

La temperatura media dell’acqua è di -3,5 ° C, in estate l’acqua può riscaldarsi fino a + 11 ° C, la temperatura dell’acqua in inverno scende solitamente a -20 ° C. 200 giorni all’anno il lago è coperto da una coltre di neve e in inverno è quasi impossibile raggiungerlo. Quindi, a differenza di Issyk-Kul, Son-Kul si congela e rimane coperto di ghiaccio da settembre a giugno.

Chon Kemin

La gola di Chon-Kemin è la gola più lunga del Kirghizistan. La gola si estende per 100 km lungo la montagna Kungei Ala-Too, poi va a nord e termina parallelamente al lago Issyk-Kul. La salita è leggera quasi per tutto il percorso, aumenta solo alla fine della gola fino a 3.500 m. La parte settentrionale della gola è erbosa e quasi priva di alberi, sebbene la sua parte centrale e meridionale sia ricoperta da splendidi alberi di abete rosso. Queste foreste sono nella maggior parte dei luoghi ben preservate, perché il fiume Chon-Kemin acquoso rende difficile l’accesso alla foresta. Inoltre, quasi tutto il territorio della gola è dichiarato Riserva Nazionale. Durante la bella stagione è possibile praticare il rafting sul fiume su gommoni (imbarcazioni a doppio scafo), per un piccolo prezzo.

La gola è molto popolare tra i turisti. Uno dei trekking più popolari va lungo Kalmak – la gola di Ashuu non lontano dal villaggio di Shabdan. Uno dei sentieri non classificati porta al lago Issyk-Kul nella zona della città di Balykchi. Anche i laghi Kel-Kogur situati a un’altitudine di 3.200 m sul livello del mare, a una distanza di 26 km dal villaggio di Shabdan, sono molto popolari. Questo è il villaggio di Chon-Kemin situato in posizione centrale a un’altitudine di 1.520 m sul livello del mare e ad una distanza di 20 km dall’autostrada per Issyk-Kul. La gola è leggermente popolata – ci sono circa una dozzina di piccoli villaggi intorno. C’è un museo dedicato all’eroe locale Shabdan Batyr.

Chon-Kemin tours è un viaggio nel vero paradiso per gli appassionati del turismo estremo e gli intenditori di splendidi paesaggi naturali. Godrai di escursioni nei luoghi pittoreschi della valle di Chon-Kemin, trekking, rafting sul fiume Chon-Kemin. Nella riserva Chon-Kemin, dove la natura è rimasta quasi intatta, vedrai rari tipi di flora e fauna.