tash khovli Khiva

Tash Khauli palazzo – monumenti di Khiva

Il palazzo Tash Khauli a Khiva nella Itchan Kala (Ichan Kala – città interna) con harem è una seconda residenza dei khan del kanato di Khiva. Nella prima metà del diciannovesimo secolo il palazzo Tash-Khovli (cortile di pietra) fu costruito nella parte orientale della città interna. Circondato dalle mura alte e costruito completamente in mattoni cotti (per quello lo chiamano “di pietra”), il palazzo ricorda una fortezza. La costruzione del palazzo durò circa 8 anni, dal 1830 al 1838.

Cortili khauli del palazzo Tash Khauli

Il primo cortile costruito fu l’harem (1830-1832). Poi mehmonkhona – il luogo dei ricevimenti ufficiali (1834), e l’ultimo a costruire era Arz-khana, sorta nella parte sud-ovest – l’aula del tribunale (1837-1838).

Munis ha scritto che i migliori architetti di quel tempo furono impalati a causa del fatto che si rifiutarono di costruire un palazzo in due anni. Usto Kalandar Khivagi ha impiegato per costruirlo 8 anni.

Harem nel Tash Khauli

L’harem occupa tutta la parte nord del palazzo e dalla parte ufficiale del palazzo è separato da un lungo corridoio. Nella pianificazione del palazzo gli architetti adoperarono sia i criteri delle vecchie case padronali che le tradizioni dell’architettura delle fortezze. Il cortile costituisce il nucleo centrale intorno al quale sono ragruppati diversi locali. Vi è un pozzo al centro del cortile. Nei palazzi e nelle grandi madrasse cercarono sempre di tenere le risorse d’acqua per poter affrontare a lungo gli attacchi da parte di nemici. 

Nella parte meridionale del cortile dell’harem furono costruiti piccoli aivan / ayvan (nell’architettura islamica si intende una stanza a volta, murata su tre lati e aperta sul quarto lato. Assomiglia al portico), quattro dei quali destinati alle mogli del khan (secondo la Sharia un uomo non poteva avere più di quattro mogli), il quinto, riccamente decorato, fungeva da soggiorno per il khan. Ogni aivan ha un alloggio per la servitù. L’harem è arredato secondo la tradizione Khorezm di decorare la metà femminile (itchan hauli).

Colonne

I frammenti in legno adoperati nel decoro dei soffitti, delle porte, dei recinti-panjara e indubbiamente nelle colonne del palazzo, hanno un grande valore. Le colonne, che sono snelle, alte, coperte da intagli, sono appoggiate su basamenti in marmo intagliato. In alto le colonne finiscono con i capitelli che a turno loro reggono le sottotravi lignee del soffitto.

Ishrat Khauli – la sala d’accoglienza

Dopo l’harem è stato costruito un mekhmonkhona (ishrat hauli ). Un cortile quadrato con un prospetto circolare per una yurta è completamente costruito con stanze e aivan. L’iwan meridionale serviva per cerimonie e ricevimenti di ambasciatori. Gli Aivans del cortile, decorati con maioliche con un soffitto dipinto di luce e piccole torri sui lati, sono simili all’interno di un teatro e sono pieni di solennità.

Nell’Ishrat-khauli ci sono le stanze per gli ospiti lungo il perimetro del cortile, mentre al secondo piano si trovano i locali secondari con gli ayvan.

Arz Khona (tribunale)

Arzkhona (letteralmente – la sala dei reclami. aula di tribunale) si trova nella parte sud-occidentale di Tash-Khauli. È grande il doppio del mehmonkhona. Come mehmonkhona, arzkhona è decorata con maioliche. Il lavoro è stato svolto dal famoso maestro Abdullah, soprannominato il Genio. Questo maestro ha decorato tutti i cortili di Tash-Khauli.

Arz-khauli ha un layout più complesso. Ad arz-khauli, il cortile lungo il perimetro è composto di locali per funzionari di corte, guardie, prigionieri. Anche gli ingressi ad arz-hauli sono complicati. Ma hanno anche soffitti eleganti.

Nell’arz-hauli nella maiolica di un grande aivan, c’è la data 1838 e il nome del maestro – Abdulla Jin (“Genio”, come veniva popolarmente chiamato per la sua arte ineguagliabile), che creò maioliche di fantastica bellezza e nobiltà.

Tash-Khauli è un vero capolavoro degli architetti Khiva. In totale, il palazzo ha più di 160 stanze di varie dimensioni, quasi tutte lussuosamente arredate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *