Suzani viaggio in uzbekistan

Il ricamo decorativo occupa un posto speciale nello spettro delle diverse specie di arte applicata in Uzbekistan: pannelli colorati con motivi ammalianti e colori energicamente ricchi. Se la ceramica è un tipo di artigianato tradizionalmente maschile, allora il ricamo è il regno dell’autoespressione femminile, un fenomeno sorprendentemente originale, non ancora pienamente riconosciuto della cultura nazionale uzbeka.

Ogni donna era impegnata nel ricamo – e quindi questo tipo di arte può essere considerata la più popolare e democratica. Sviluppato sotto forma di ricamo domestico, il ricamo è diventato il risultato più sorprendente ed espressivo dell’arte popolare, trasformandosi in un vero simbolo nazionale. Cotone e seta, senso dello stile e del ritmo, mani sapienti e pazienza sconfinata, sembra tutto ciò che serve per creare questi capolavori.

Fin dall’infanzia, alle ragazze veniva insegnato a usare l’ago – perché le coperte e le tende create dalle loro mani erano una parte indispensabile della dote, i più importanti attributi del matrimonio, che, secondo le credenze popolari, contribuivano alla continuazione del clan. Il numero di ricami è stato usato per giudicare la ricchezza della famiglia, l’artigianalità e l’operosità della sposa. Le tradizioni artigianali sono state attentamente trasmesse da madre a figlia. È sorprendente con quale senso di libertà interiore le donne abbiano mostrato il loro potenziale creativo in uno stile di vita chiuso.

L’immagine del tempio nei modelli di Suzani

Suzani è uno dei tipi più comuni di ricami tradizionali di grandi forme in Uzbekistan. Suzani erano una parte indispensabile della dote della sposa e venivano usati come copriletto per gli sposi o come pannello decorativo sulle pareti della loro stanza. L’uso nelle cerimonie nuziali predeterminava la sacralità dell’arredamento del suzani, il cui valore complessivo era proteggere gli sposi dal malocchio e desiderare la fertilità. In generale, gli ornamenti su Suzani possono essere considerati non solo come un fenomeno estetico, ma anche come espressione delle idee religiose e ideologiche delle epoche che li hanno originati.

I ricercatori hanno ripetutamente proposto varie interpretazioni del significato del ricamo suzani, ma molte delle disposizioni relative all’interpretazione della genesi e della semantica delle forme causano ancora discrepanze.

Il principale tipo di composizione sono i motivi oy (letteralmente “luna”), anche la Luna è in piena fase. Tali composizioni sono tipiche per Tashkent, Samarcanda, Jizzakh, Surkhandarya.

È noto che il culto astrale, che includeva il culto dei pianeti – il Sole, la Luna e altri, sorse nell’età del bronzo in Mesopotamia come un discendente dell’astrologia assiro-babilonese. Successivamente fu portato in Asia centrale dai Manicheani, che, in particolare, fondarono la loro comunità a Samarcanda. Allo stesso tempo, il culto dei corpi celesti è noto da tempo nella stessa Asia centrale.

I seguaci del culto astrale credevano che i pianeti “fossero guidati le persone” e influenzassero la loro vita sociale e familiare. In Sogd, il culto dei pianeti, risalente a rappresentazioni animistiche, conviveva con lo zoroastrismo.

Con l’arrivo dell’Islam, i templi in onore degli dei celesti del pianeta furono distrutti o ricostruiti nelle moschee, le loro statue furono bruciate. Ma, nonostante la persecuzione, il culto degli idoli persistette quasi fino alla metà del IX secolo e la sua traccia nell’arte popolare rimane ancora più a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *