MIRZO ULUGBEK

Mirzo Muhammad ibn Shahruh ibn Timur Ulugbek Guragan (1394-1449) – un grande astronomo e matematico, uno scienziato eccezionale del suo tempo, nipote del famoso sovrano e comandante Amir Timur. 1411-1449 – gli anni del regno di Maveraunnakhr.

Ulugbek (Muhammad Taragay) è nato il 22 marzo 1394 nella città di Sultania sul territorio dell’attuale Azerbaijan.

Dopo la morte del grande Sahibkiran (il titolo del suo nonno-Amir Temur) nel 1405, il vasto stato da lui creato, che, oltre all’Asia centrale, comprendeva l’intero territorio del Vicino e Medio Oriente dal Mar Mediterraneo all’India del Nord compresa, divenne il possesso ereditario di figli e nipoti. Alla testa della dinastia Temuridi divenne figlio di Temur – Shahruh, che scelse Herat come sua residenza.

Maverounnahr fu posto sotto la gestione del figlio maggiore di Shakhrukh, il nipote di Amir Temur, Ulugbek. Nel 1409, Ulugbek fu dichiarato governatore di Samarcanda e, dopo la morte di suo padre Shahrukh nel 1447, divenne il capo della dinastia dei Temuridi.

Dalla sua giovinezza, Ulugbek ha mostrato una grande passione  verso le scienze e le arti, in particolare la matematica e l’astronomia. La ricca biblioteca in cui trascorse la maggior parte del suo tempo, con il contributo di suo nonno e padre, contribuì all’espansione della sua visione intellettuale.

Ulugbek ha ricevuto un’educazione brillante secondo gli standard di quei tempi. Possedendo un magnifica memoria, parlava perfettamente arabo e persiano, conosceva la poesia turca (vecchia usbeco), possedeva la teoria degli stili letterari e partecipava a dispute letterarie.

Sotto Ulugbek, Samarcanda divenne uno dei centri mondiali della scienza medievale. Qui, a Samarcanda nella prima metà del XV secolo, nacque intorno a Ulugbek un’intera scuola scientifica che riunì eminenti astronomi e matematici: Giyasiddin Jamshid Kashi, Kazizade Rumi, Ali Kushchi.

UlugbekErano le persone più importanti del loro tempo, che credevano nel potere della mente umana, nel potere della scienza.

Nel 1417-1420, Ulugbek costruì una madrasa a Samarcanda, che divenne il primo edificio nell’insieme architettonico del Registan. In questa madrasa, Ulugbek invitò un gran numero di astronomi e matematici del mondo islamico. Le altre due madrase furono costruite a Gijuvan e Bukhara. Le altre due madrase furono costruite a Gijuvan e Bukhara. Madrasa, costruito da Ulugbek, faceva da università. L’iscrizione sul portale della madrasa di Ulugbek a Bukhara ha conservato l’iscrizione: “La ricerca della conoscenza è un dovere di ogni musulmano e musulmano”.

Ma la grande passione di Ulugbek era l’astronomia.

La costruzione dell’osservatorio, secondo i ricercatori, fu completata nel 1428-1429. L’osservatorio era una struttura unica per il suo tempo. Per garantire che l’edificio sia insensibile ai terremoti, il piede roccioso della collina di Kukhak è stato scelto come posto per la costruzione dell’osservatorio.

Lo strumento principale, il sestante (o quadrante), era orientato lungo la linea meridiana da sud a nord. Oltre allo strumento principale, altri strumenti astronomici erano situati nell’osservatorio.

Sotto la guida e con la partecipazione del grande astronomo Ulugbek, è stato compilato il lavoro principale dell’osservatorio “Zidzhi-Guragan”, “Star Tables of Ulugbek”. Il catalogo contiene le coordinate di 1018 stelle, determinate da questo Osservatorio di Samarcanda con incredibile accuratezza per la prima volta dopo Ipparco.

Ulugbek ha controllato i suoi dati molte volte ed è giunto alla conclusione che i suoi dati sono accurati. Nel 1437, determinò la lunghezza di un anno astronomico: 365 giorni 6 ore 10 minuti 8 secondi. Come si è scoperto dopo, l’errore di misurazione è stato di soli 58 secondi. Se consideriamo che la durata di un anno astronomico è di 31 milioni 558 mila e 150 secondi, allora diventa chiaro quanto precise siano state effettuate le misurazioni di Ulugbek.

Le opere di Ulugbek

observatory
observatory

Il principale lavoro scientifico di Ulugbek è giustamente considerato “Ziji Jadidi Guragani” o “New Guragan Astronomical Tables”. L’autore completò questo lavoro nel 1444 dopo trent’anni di duro lavoro e osservazioni astronomiche. Il libro di riferimento astronomico fu presto tradotto in latino e, insieme all’Almagesto di Claudio Tolomeo e alle tabelle astronomiche del re castigliano Alfons XV, fu un manuale sull’astronomia in tutti gli osservatori in Europa.

Nel 1648, a Oxford, uno dei più antichi centri di scienza e cultura in Inghilterra, per la prima fu parzialmente pubblicata l’opera del famoso Osservatorio di Samarcanda di Ulugbek. Il lavoro è stato preparato per la pubblicazione e è stato commentato da John Greaves (1602-1652), professore di astronomia all’Università di Oxford. Più tardi, frammenti del catalogo furono pubblicati più volte in Inghilterra.

25 anni dopo la pubblicazione di Hyde’s Oxford, i dati delle tabelle di Ulugbek trovano il loro posto sulle pagine del libro pubblicato a Danzica dal famoso astronomo polacco Jan Hevelius (1611-1687) “Prodromus Astronomiae”.

Nel 1994, il 600 ° anniversario dello scienziato è stato celebrato a livello internazionale, in questa occasione si sono svolti numerosi eventi con la partecipazione di scienziati stranieri, specialisti e personaggi pubblici.

Nel 2009 si è tenuta a Parigi una conferenza scientifica internazionale, dedicata al 615 ° anniversario di Mirzo Ulugbek. Più di 130 scienziati e rappresentanti di varie organizzazioni internazionali hanno preso parte alla conferenza.