Navruz

danza in uZbekistan

Il viaggio in Uzbekistan per festa Navruz

La festa nazionale in ​​Uzbekistan Navruz (chiamati anche Noruz, Nowruz e Nawruz), la festa primaverile di “Nuovo Anno”, è stata celebrata per oltre 2.500 anni, forse per ben 5.000 anni. Originario della Persia e da lungo tempo associato all’antica religione zoroastriana, il suo nome Navruz significa “nuovo giorno” in persiano perché per gli antichi persiani segnò il primo giorno del nuovo anno.

In questo giorno, i re persiani avrebbero indossato una corona con le immagini del ciclo solare annuale in testa, partecipato a una messa divina nel Tempio del Fuoco e distribuito generosi doni ai cittadini. Oggi, la festa Navruz viene celebrata ogni anno il 21 marzo, quando il sole entra nel segno dell’Ariete nel calendario astrologico. Nell’emisfero settentrionale, questa data coincide con l’equinozio di primavera, il giorno in cui il numero di ore di luce del giorno è uguale al numero di ore di notte. Nel nostro moderno calendario gregoriano, l’equinozio di primavera varia dal 19 marzo al 21 marzo. Sebbene i loro calendari fossero diversi, i popoli antichi seguivano da vicino il corso del sole e della luna e sapevano che le stagioni iniziarono a cambiare in questa data. Per loro, era se i poteri della luce avessero superato i poteri delle tenebre, permettendo alla terra di risvegliarsi e di riaccendere la vita. Molti di noi hanno sentimenti simili oggi, anche se comprendiamo la spiegazione più scientifica: che l’emisfero settentrionale inizia a inclinarsi verso il sole a questa data, il che si traduce in giorni più lunghi e più caldi. Mentre i turchi e altri popoli nomadi si trasferivano in Asia centrale e nelle aree intorno alla Persia, adottarono la celebrazione di Navruz. Proprio come la festa sassone di Ostara fu abbracciata dal cristianesimo e divenne la Pasqua in Occidente, le tradizioni Navruz, che avevano radicato le radici nella vita dei contadini e dei cittadini eurasiatici, sopravvissero all’avvento dell’Islam nell’area 1.400 anni fa. Oggi, Navrus è celebrato in modo ampio e colorato in Iran, Azerbaigian, Afghanistan, Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan, Kazakistan, Turkmenistan e province occidentali della Cina, nonché da curdi in Turchia, Siria e Iraq e da Tartari e Bashkir nella Russia meridionale. Negli ultimi dieci anni, le repubbliche dell’Asia centrale hanno riconosciuto Navruz come una festa ufficiale. La sua celebrazione è caratterizzata da concerti in parchi e piazze, fiere e gare di equitazione nazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *